Il Team Azzalin, meglio conosciuto come CH Racing, nasce nell’aprile del 1993 per volere di Roberto e Fabrizio Azzalin, persone da sempre coinvolte con le vicende sportive di Cagiva ed Husqvarna.

Roberto è tra i fondatori della Cagiva insieme ai fratelli Castiglioni e Team Manager dal 1984 al 1995 del glorioso Team rally impegnato in quegli anni nella mitica Parigi Dakar, mentre il figlio Fabrizio, sin da giovanissimo nel mondo dell’enduro, è dal 1990 ufficialmente alla guida dell’altrettanto famoso Team Husqvarna, con all’attivo ben 23 titoli mondiali individuali enduro e 4 titoli mondiali individuali motard.

Con il passare del tempo la CH Racing ha sentito la necessità di diversificare la propria attività aggiungendo al reparto corse la preparazione e la produzione di moto di varia cilindrata. Sono state così realizzate delle vere e proprie specials, come l’Husqvarna 630 Martens replica, la Cagiva Elefant 900 Marathon per i rally africani, e la Monster 900 by CH Racing.

La produzione vera e propria con marchio CHRACING è invece cominciata nel 1998 con la realizzazione del primo minicross 50cc proseguita poi fino al 2008, con una produzione di 2.500 pezzi annui tra minicross, 50cc stradali e CH 125 4T motore Yamaha.

Nel 2009 è stata realizzata una moto elettrica “Quantya” in collaborazione con il cliente svizzero che l’ha commissionata (prodotti circa 1000 pezzi).
Nel frattempo l’attività racing è stata affiancata dalla vendita di tutti i prodotti Husqvarna, moto, ricambi e merchandising, nonché dall’apertura di un reparto officina per tagliandi, riparazioni e preparazioni speciali moto Husqvarna.

A partire dal 2014 comincia la collaborazione con SHERCO, all’inizio solo per la parte sportiva, mentre dall’ottobre 2014
CH RACING è diventata distributore per l’Italia delle moto Sherco (linee enduro, all terrain, 50cc, e-kid), ricambi, accessori e abbigliamento.

Nel 2016, dopo soli 2 anni di “apprendimento” con il nuovo marchio, il Team Azzalin, domina il Mondiale Enduro con il pilota australiano Matt Phillips, sbaragliando la concorrenza e portando i titoli Mondiali Enduro a quota 26.

L’avventura continua ……………